Viviamo in un’epoca in cui ci viene inculcata l’idea che la religione (quale sottomissione a Dio) sia nemica dell’essere umano e un peso per l’individuo, che gli rende la vita più complessa, con la scusa di offrirci libertà di vario genere ci hanno fatto credere che la sottomissione a Dio sia qualcosa di imposto e opprimente, ma in realtà ci stiamo rendendo conto di come le catene con cui ci hanno imprigionato nella società odierna siano molto resistenti, nonostante il loro essere invisibili.
Quando venne annunciata alla Vergine la Volontà del Suo Signore, ella accettò e si sottomise, e da allora portò nel grembo ciò che avrebbe cambiato la sua vita e di gran parte dell’umanità per sempre.
Perché la Sottomissione all’Infinito ti cambia la vita per sempre.
Eppure sapeva che tutto ciò le avrebbe creato molte difficoltà, a causa dell’ignoranza degli uomini e della loro deviazione, l’avrebbero calunniata nel peggior modo possibile, già prima di lei avevano calunniato e ucciso gli Uomini di Dio. Nonostante ciò, l’umiltà nei confronti del suo Signore era talmente radicata nella sua essenza che accettò la Sua volontà. Si sentiva talmente piccola alla Sua presenza, eppure era stata prescelta per portare in sé un Segno ed essere parte di un Miracolo, partecipe di un Atto divino e della Potenza divina.
Vogliono farci credere che la Sottomissione a Dio, all’Infinito, sia umiliante, quando in realtà è intrinseca nell’essere umano l’inclinazione verso la Sottomissione, e quando questa è rivolta all’Infinito non può che essere un punto di forza e non una debolezza. È l’Infinito l’unica fonte del Potere.
Quando ci si sottomette all’Infinito, si diventa partecipi delle azioni divine e allora niente è in grado di soggiogare questo Potere, la Parusia ne sarà la prova definitiva.

Rispondi