Non c’è limite alla perversione umana … non c’è limite all’ingiustizia, quando l’essere umano si allontana da Dio, da tutto ciò che è vera umanità …

Se si permettono di umiliare una donna palestinese in questo modo, diffondendone il filmato, non oso immaginare cosa faranno alle donne palestinesi in prigione. Mi viene in mente il “trattamento” che fu riservato alle donne bosniache, a quelle irachene, a quelle libanesi … e non solo donne musulmane, e non solo donne …

Si scandalizzano per la messa in scena di Neda, si mobilitano per un’assassina e adultera, ma non fanno niente per la gente più oppressa. Che vergogna …

Non sono altro che ipocriti, ma questo si sapeva già.

 

 

Guardate cosa hanno fatto i “liberatori dei popoli”, ma se siete troppo sensibili non guardatele (sono foto particolarmente scioccanti), pregate solo perché si affretti la manifestazione del Mahdi (aj):

http://www.globalresearch.ca/index.php?context=viewArticle&code=DAU20060509&articleId=2412

Considerando che in Occidente non esistono quasi più valori morali, non ci si sorprende del fatto che alcuni difendano un’adultera, ma soprattutto complice di omicidio. Anche se è ovvio che ci siano altri fini politici.

Sakineh Mohammadi Ashtiani è in carcere da cinque anni, è accusata di essere complice dell’omicidio di suo marito (e non solo adulterio), eseguito dal cugino di quest’ultimo, con cui la donna aveva rapporti extraconiugali.

La donna ha somministrato del sonnifero al marito e quindi l’altro l’ha ucciso attaccandogli il filo dell’elettricità. Uno dei parenti della vittima quando ha visto il luogo del delitto ha detto di essere rimasto scioccato dalle condizioni in cui è stato trovato il cadavere. Come si fa a difendere una persona del genere?

Certo, da gente come Carla Bruni c’era da aspettarsi che prendesse le difese di questa donna, e non è nemmeno strano, considerando i fini politici, che Catherine Ashton, in qualità di alto rappresentante dell’Unione Europea, abbia avanzato l’ipotesi di possibili sanzioni all’Iran.

Invece è strano che non ci sia tutta questa compassione e attenzione verso le persone che vengono condannate a morte in altri paesi (come la Cina e gli Stati Uniti), dovremmo chiederci perché la legge umana può stabilire quali persone possano essere condannate a morte (come in questi paesi) e non quella divina (su cui sono basate le leggi in Iran)? Se i politici occidentali fossero davvero contrari alla pena di morte, non farebbero così tanta propaganda solo per una condannata a morte e non per gli altri.

Qualcuno dice che sembrano cose d’altri tempi, del Medioevo… già altri tempi, che anche se erano tempi bui, nessuno avrebbe mai osato difendere un’assassina o un’adultera. Non esistono più valori morali, ma difendere quelli immorali è davvero troppo…

Ci consoliamo pensando che alla fine è tutto un gioco politico e che ci sono ancora persone che hanno un po’ di coscienza per capire come stanno veramente le cose.